bruschette pesto e polipetti

BRUSCHETTE PESTO E POLIPETTI
SECONDO PIATTO

Siete curiosi di sapere cosa c’è dentro questo piatto?

Tutti ingredienti facili da trovare nella vostra credenza o nel vostro frigorifero: 

  • Polipetti: Lavateli accuratamente sotto acqua corrente e privateli delle interiora.
    Fateli rosolare in una padella con uno spicchio d’aglio e un po’ di olio extravergine d’oliva. Aggiungete un po’ di pepe e sale e continuate la cottura per 15/20 minuti. Sfumate di tanto in tanto con del vino bianco.
  • Pesto: Fate scaldare in un pentolino un cucchiaio d’olio e il pesto. Poi fate raffreddare.
  • Pomodori: Lavateli sotto acqua corrente e tagliateli a pezzetti. Metteteli in una ciotola e condite con olio extravergine d’oliva e sale.
  • Bruschette: Tagliate a fette il pane e fatelo abbrustolire su una piastra.
  • Spalmate sopra ciascuna bruschetta il pesto, disponetevi i pomodori e un polipetto.
    A piacere spolverizzate con semi di sesamo

Buon Appetito!

bruschette pesto e polipetti

Avete trovato interessante quest'idea e l' avete sperimentata?

chef

Condividetela con noi

E se avete dei consigli o delle idee da condividere con noi saremo liete di riproporle qui sul nostro blog!

ali viso

Alice Riccobono

Founder

Fin da piccola mi piace usare il computer e scoprire le sue funzionalità. Spinta da questa curiosità  ho deciso di studiare all’università di Pavia, e intraprendere il corso di laurea triennale della facoltà di Scienze della Comunicazione.
Mi sono sempre più appassionata del mondo della comunicazione, in generale da Internet ai social Networks.
La mia vita è impegnata a 360°, ma cerco di trovare sempre il giusto equilibrio per tutto.

bea viso

Beatrice Brusati

Dietist

Stimolata da un’esperienza passata, ho deciso di intraprendere il percorso di studi in dietista.
Ho studiato all’università di Pavia.
Ho frequentato il corso di laurea triennale della facoltà di Medicina e Chirurgia – Professioni Sanitarie – Dietista.
Il mio obiettivo in campo lavorativo sarebbe quello di potermi specializzare e lavorare in una struttura ospedaliera appunto per continuare ad aver esperienza nel campo dell’alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *